• iurilombardi

Poesia | El silensi d’i föj druȃ di Davide Romagnoli

Aggiornato il: 11 dic 2019

«Le cose che vediamo e tocchiamo ci sono. Quelle che non vediamo e tocchiamo le mettiamo in discussione. In queste poesie anche quello che si vede e si tocca viene messo al vaglio: le sostanze, le costitutive del fiore, le risposte della scienza, le componenti dei colori. Se fosse il contrario la scienza non esisterebbe neanche, perché non ci sarebbe indagine e dubbio. Ogni volta c'è qualcosa che non conosciamo. È quello che viene suscitato in ognuno di noi, quello che sembra inafferrabile. Non è il colore, l'odore, ma la vita stessa del fiore, la pioggia, la casa, il camminare della gente, di se stessi: tutto ci mette davanti al mistero. […] Quello che si nota nella poesia di Romagnoli è l'emozione di fronte al mistero delle cose. Il proprio dubbio e la propria consapevolezza di fronte al non sapere, in un rapporto simpatetico con le cose e il mondo intorno»


dalla prefazione di Franco Loi a Davide Romagnoli, EL SILENSI D'I FÖJ DRUÂ, Marco Saya edizioni, 2018


Dalla sezione Ouverture:


Ghe'n quajcòss da na quaj part che el se slunga, ch'el pensa;

ghe semm nümm pö ch'el guardum, che se slungum per fâgh 'na foto:

dumà n'umbrìa, n'a quaj volta, na pücia o un alter nient;

cume de luntan, guardum furestê curiûs in misüra de quèl che sèm

sensa dumandâgh el nòm e la sustansa pensum ai culur che pödum dâgh

a quel ch'èm vist, a che l'umbria lì, e a se'l vüraria mai dì el nòm nient.


Trad: C'è qualcosa da qualche parte / che si estende, che pensa / ci siamo poi noi che la guardiamo, / ci allunghiamo per farle una foto: / solo un'ombra, qualche volta, / una pozzanghera o un altro niente; / come da lontano, guardiamo estranei / curiosi in misura di quello che siamo / senza domandare il nome e la sostanza / pensiamo ai colori che possiamo dare / a quello che abbiamo visto, a quell'ombra lì, / e a cosa vorrà mai dire il nome niente.

*

Guàrdi i cà e i cà guàrden la strada: 'me l'oli de la tela slisâ via ne la nèbia sü la vista che ghèmm per piturà l'ouverture de ch'el requiem de paês disègnum el mund da la finestra e pàrlum d'i giardin, d'i camp, di cà e di omen che birlen ne la via, quela che la gira dedrè al curtil e pö la se tàca a'n'altra e'n'altra via amò püsè luntana ch'èmm dumà sentü el sò nom ma sèmm no due la và e due la ghe porta.


Trad: Guardo le case e le case guardano la strada: / come l'olio della tela scivolato nella nebbia / sulla vista che abbiamo per pitturare / l'ouverture del nostro requiem di paese / disegniamo il mondo dalla finestra / e parliamo dei giardini, dei campi, / delle case e degli uomini che vagano nella via / che gira dietro al cortile e si attacca poi / ad un'altra e un'altra via ancora più lontana / di cui abbiamo solo sentito il nome / ma non sappiamo dove va e dove ci porta.

***

Dalla sezione Mess Printemps:


Mess printemps, saûr de azûr vûnc de acqua vers el tramunt: se trueum ai quatr'ûr, balun in man sensa savè se l'era el vegh vöja. Föra d'i lessiun del temp e d'un spassi -una porta dent'un camp de basket- caragnaven i prà amò prima d'i gutt el silensi del sunà del passà. Nel mess, squasi un centercamp, median sensa un mestè precîs udur de roba viva, rümûr d'i scarp. I pultron, i prans e i lensö guardaven da n'altra part luntan, e'n quajvün lì'n mess segnava un gol suta el canester.


Trad: Mezze primavere, sapore d'azzurro / sporcate di acqua verso il tramonto: / ci trovavamo alle quattro, pallone in mano / senza sapere cosa fosse l'avere voglia. / Fuori dalle lezioni del tempo e di uno spazio / -una porta dentro un campo di basket- / piangevano i prati ancora prima delle gocce, / il silenzio del suonare del passato. / Nel mezzo, quasi un centrocampo, / mediani senza un mestiere preciso, / odore di cosa viva, rumore delle scarpe. / Le poltrone, i pranzi e le lenzuola / guardavano da un'altra parte / lontano, e qualcuno lì in mezzo, / segnava un goal sotto il canestro.

*

Derva l'edicula visin a la funtana, l'è amò prest, i giurnaj de fianc, panchett de par lûr in campagneta, un sciur, vêg, piegâ da la gravità purtâ da l'umbra del so corp moll slisa la brina del matin trop prest. El rîd el fujam, bele mort, ai rob ch'j turnaran amò indrè. Schiscia el temp –dumà per nümm- i rob de iêr.


Trad: Apre l'edicola vicino alla fontana, / è ancora presto, i giornali di fianco, / panchine da sole nella campagnetta, / un signore, antico, piegato dalla gravità / portato dall'ombra del suo corpo molle / sfiora la brina del mattino troppo presto. / Ride il fogliame, già morto, / alle cose che torneranno di nuovo indietro. / Schiaccia il tempo -solo per noi- le cose di ieri.

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. Tutti i diritti sono riservati – barbaricoyawp.com; la redazione di YAWP prima di pubblicare foto, video o testi ricavati da Internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti d'autori o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso di materiale riservato, scriveteci a yawp@outlook.it e provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.