• iurilombardi

Poesia | Il sarto di San Valentino di Iuri Lombardi

Aggiornato il: 11 dic 2019

Siamo davvero felici di potervi presentare per primi Il sarto di San Valentino (Ensemble, 2018): la nuova raccolta poetica di Iuri Lombardi. Membro ufficiale della nostra redazione, su YAWP si occupa della sezione Critica Letteraria e gestisce il progetto dei Quaderni Barbarici in collaborazione con Patria Letteratura.


Dalla sezione Il corpo dell’apostata:


Non ho fatto in tempo a baciarti la fronte

Non ho fatto in tempo a baciarti la fronte, te ne sei andato, figura persa nel pomeriggio già bruno sul presto, vagabondo nella spirale amena nello zampillo, nello sgombro dell’ombra, di palazzi nuovi di cemento. Non ti lasciare ti prego nel niente; la città qui si ricompone negli sozzi riverberi di luce o tra pozze in un autentico mattino cui scorgi negli occhi del compagno bianco di buio. Perdoni la mia cecità? L’irruenza Svanita a ciuffi tra i capelli? L’amore Che fu è ancora amore: un fitto epistolario.

*

La fiera di Santa Lucia


La città parve dilatarsi sul greto, il fiume all’orizzonte d’un tratto sfumò; luci intimidite dal vento aprono il giardino romantico oltre il dopo.

Perché saltelli tra i marmi assonnati?

L’avvento striscia sull’unto dell’ovvio -brevi schiamazzi attentano il giorno: “Non ho un buon rapporto con la morte”. Non credo sia paura la tua, la luna non ha timori e albeggia tra i fanali del sabato di mercato.

***

Dalla sezione Cappotto allo Stato:


IV


L'abbiamo fatto in piedi costretti da una contesa di muro ed è stato l'incontro il raccolto della paranza.

Qualcuno distribuiva pane disponendolo sul piano del giorno: l'accenno della luna sul tuo dorso.

Era sudore l'essenza delle spezie, la barca salpata contenente sale,

ieri come allora il lume della passione dilatava gli spazi della terra;

l'incanto di una sommossa civile dubitava del suolo il colore

azzurro o del fiume che scorreva tra le gambe incoronate dal sole.

*

V


Il vivaio dell'odierno è la sagoma, sgombra i giorni magri da sortilegi, l'orologio del tempo che non batte:

l'ora del carnevale striminsito nel fulgore di un pomeriggio di vento - tutto è possibile: la vita è ora? Lo spauracchio divorato dai merli non fa paura, non desta timore: un giorno di questi sarà nel pranzo al blaterare delle stoviglie nel sonno greve dei gatti albini che l'occhio vigile si schiuderà al canto tenorile del tepore in questa pianura di sagome che è.

***


Dalla sezione Cruciverba della croce:


II


ISOLA TOSCANA-Elba IL FIORE DI PARIGI- giglio TERNI NELLE TARGHE-tr AMORE INCONDIZIONATO- affetto IL FUOCO EFFIMERO- fatuo

*


IV


IL PRINCIPIO DEL GIORNO- alba NON HA VOCE- silenzio SENZA FISSA DI MORA- senza tetto (io) POGGIO SBANCATO- cava LA PRIMA DONNA- Eva

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. Tutti i diritti sono riservati – barbaricoyawp.com; la redazione di YAWP prima di pubblicare foto, video o testi ricavati da Internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti d'autori o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso di materiale riservato, scriveteci a yawp@outlook.it e provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.