• iurilombardi

Poesia | L'aiuto a non morire di Arianna Vartolo

Era il Cile del '69, e tu aspettavi il Silenzio. Ti facesti

gocce - in quella attesa; solubile materia e lieve. La trasparenza lasciava

vedere i tuoi umori sacri, in istantanee di pioggia. Sapevi

dell'Amore; lo sapevi lì.

***

"L'infinito significa", ripetevi ancora - toccando l’aria incisa da umori e da racconti. Ti vedevo leggere l'oltre, dove

non eravamo certi ci fosse fuoco, o gioco di stelle; bruciava - sì - ed era luce. Ignoto sarebbe

rimasto per chi avesse tentato, almeno, di capire. Noi non provammo.

***

Le nove e trentatré, e tu camminavi su equilibri di ombre e ringhiere; seguivi quelle linee senza

corpo - quei solchi scuri. Ipotizzavi il loro nascondere universi altri, o - solo - ti divertiva pensarlo. Intanto i

sorrisi, e le poche luci lontane.

***

Le tue mani nello sfiorare l'impossibile, a cercare un eterno seguito - i miei occhi. Lasciano tratti di colore, cicatrici; sono storie, brevi racconti (quelli che piacciono a noi). "Siamo

quasi arrivati" diciamo; ma non sappiamo dove.

***

Forse era il sole in una Barcellona ideale.

Tepore - liquido - a una fermata; sul suolo, voragini: viste - lì - cedono

il passo lento a sguardi diversi. Di questo, mi hai detto

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. Tutti i diritti sono riservati – barbaricoyawp.com; la redazione di YAWP prima di pubblicare foto, video o testi ricavati da Internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti d'autori o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso di materiale riservato, scriveteci a yawp@outlook.it e provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.