• iurilombardi

Poesia | Nummunàt: poesie di Salvatore Pagliuca

Aggiornato il: 9 dic 2019

Pubblichiamo alcune poesie nel dialetto locale di Muro Lucano estratte da Salvatore Pagliuca, NUMMUNÀT’/NOMEA (opera vincitrice della 3a edizione Premio “Arcipelago itaca”, 2018):


A Velardin’ ll’ strulluciènn’ l’uocchj

A Berardino gli brillavano gli occhi e conosceva i costoni ripidi e i roveti. Fischiava ai nidi. A ottobre si nasconde nel sole enel volgere di luce – uno scampanellare di capre se lo incarta sopra i dirupi. E in cima fiuta refoli, cima cespugli, con il bastone rigira i grossi massi. ‘Domani o doman l’altro passeranno le gru’ grida al bosco di cerri sottostante Berardino.

*

Dret’ a la chiazz’ nonna Sabett’ ten’ na casaregghj. Roj stanz’ acconz’ acconz’, roj fenestr’ cu na lucj patutizz’. Ten’ com’ na feliscin’ ‘nnant’ a l’uocchj, ver’ appen’ appen’. Ra quacch’ tiemp’ l’ raj na man’ na figliol’ furastier’, sanizz’ e cu roj šcocch’ ross’. Sabett’, ‘ncumpagnij, s’assoglij cu la lengh’, mov’ li fierr’ p’ na cupertegghj e ric’ r’ cunt’ viecchj. E lu gliuommer’ vaj appriess’ a la lengh’ abballann’ sop’ a la ruggiulat’, s’ ferm’, ‘ntozz’ li mur’, ropp’ s’accov’ dret’ a na segg’. La furastier’, fenut’ li sruvizij, s’ gliummurescj a cer’ a Sabett’ cuntannol’ rr’ parol’ ‘mmocch’ e, pur’ si nunn’ hav’ ‘ntes’ nient’, la piglj ‘mbrazz’ la ninnegghj e – šcacchitiann’ – l’ raj nu vas’ ‘nfront’.


Dietro la piazza nonna Elisabetta ha una casupola. Due stanze della giusta misura, due finestre con una luce malaticcia. Ha come una fuliggine davanti agli occhi, vede a malapena. Da qualche tempo l’aiuta una ragazza straniera, possente e con due guance rosse. Elisabetta, in compagnia, si scioglie con la lingua, sferruzza per una piccola coperta e dice di fatti antichi. E il gomitolo segue la lingua ballando sul pavimento, si ferma, urta sui muri, per nascondersi infine dietro una sedia. La straniera, terminate le faccende si raggomitola di fronte a Elisabetta contandole le parole in bocca e, sebbene non abbia capito nulla, la prende in braccio la bambinella eridendo forte – la bacia sulla fronte.

*

S’ n’ scij r’ quaglj’ Felic’. Chi ric’ foz’ p’ na rucciulegghj chi p’ nu truon’ ‘ngiel’ quann’ lu figliaj la mamm’. Lu vir’ sularign’ a rr’ funzzion’ ca tre vot’ s’abbagn’ ‘nfront’ e tre vot’ ancor’ r’acquasant’. Po’ a capalarij s’ ‘ngant’ p’ la maronn’ ngurunat’ a lu suffitt’ sunnann’ quann’ lu tiemp’ addurraj r’ ros’ e s’ stij citt’.


Se ne andò di testa Felice. Chi dice fu per una ricciolina chi per un tuono in cielo quando lo partorì la mamma. Lo vedi solitario alle funzioni in chiesa che tre volte si bagna in fronte e tre volte ancora di acquasanta. Poi a testa in su si incanta per la madonna incoronata sul soffitto sognando quando il tempo profumava di rose e stava zitto.

*

Nascij r’ sett’ mis’, a novembr’ ropp’ li muort’, Luciett’. Nu misciugghiuzz’ arrapicchiat’, nu facciugghj liriv’ r’ mort’. ‘Nun chiang’’ s’ lamentaj la mamma stracqu’. La sciusciaj ‘mmocch’ la mamman’, la pigliaj r’ caposott’, la tuculaj, l’ frecaj nu šcaffetton’ ‘nfacc’. Chiangij la mamm’. Luciett’ muvij nu vrazz’. Po’ nu suspir luongh’ ca s’ sucaj lu munn’.


Nacque settimina, a novembre ai primi del mese, Lucietta. Un micettino pieno di pieghe, una faccina livida di morte.Non piange’ si lamentò spossata la mamma. Le fiatò in bocca l’ostetrica, la mise a testa in giù, la scosse, le diede uno scappellotto in faccia. Piangeva la mamma. Lucietta mosse un braccio. Poi un sospiro lungo che prosciugò il mondo.

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. Tutti i diritti sono riservati – barbaricoyawp.com; la redazione di YAWP prima di pubblicare foto, video o testi ricavati da Internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti d'autori o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso di materiale riservato, scriveteci a yawp@outlook.it e provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.