• iurilombardi

Poesia | Quando Finìssen Semafor di Daniele Gaggianesi

Aggiornato il: 11 dic 2019

«Oggi Gaggianesi attualizza e rinnova ancora questo idioma raccontandoci la Milano del post 2000, la marginalità dei suoi nuovi “freak”, dei moderni perdenti, di un’umanità in equilibrio sempre instabile, posta sul baratro dell’alienazione. Il milanese, qui, diviene un “gergo“ esplosivo che acquisisce il nuovo dal vocabolario dell’attualità e dal mondo tecnologico al quale non si può più sfuggire. È una poesia che, nonostante il frequente uso della rima e di stilemi classici, si nutre anche di prosa, dell’arte di saper raccontare trame e delineare personaggi [...]»,


dalla motivazione all'opera vincitrice ex-aequo della 3a edizione Premio “Arcipelago itaca” 2018 di Daniele Gaggianesi, Quand finìssen i semafor /Quando finiscono i semafori


ETIMOLOGIA


EN-DECA-SIL-LABI > Hinn-de cà-su i-laver.

De chì? De vun che el torna, in autostrada, casèll de Lainate, cont on papaver bèll e pass per l’aria condizionada.

L’alba la fa l’appèll di TIR già in fila, lor, che ’me mosch ronzen semper intorna, tucc impienii de ròba e de bila. Ma semper vann; el mal l’è de chi ’l torna.

Domà on fior sfiorii in sul cruscòtt e in fond ’na città che spètta grama somenza. “Arrivo”, on wazzup. Nissun el rispond.

Buon viaggio e guidate con prudenza”: cred che ’sta vos la pò dervì alter mond, l’è l’ultim gèst, antigh, de Resistenza.


ETIMOLOGIA


EN-DECA-SIL-LABI > Sono-di casa-sulle-labbra. Di chi? Di uno che torna, in autostrada, casello di Lainate, con un papavero bello che appassito per l’aria condizionata.

L’alba fa l’appello dei TIR già in fila, loro, che come mosche ronzano sempre intorno, tutti riempiti di roba e di bile. Ma sempre vanno; il male è di chi torna.

Solo un fiore sfiorito sul cruscotto e in fondo una città che aspetta maligna semenza. Arrivo”, un wazzup. Nessuno risponde.

Buon viaggio e guidate con prudenza”: credere che questa voce possa aprire altri mondi, è l’ultimo gesto, antico, di Resistenza.

*

PISSADA DE NATAL


Sorpresa! Concentraa chì per pissà, fiss sul serc’ de luna pièna del scàrich, saraa sù in ’sto cèss d’on’altra città: frucch! ’Sto Natal l’ha tiraa l’ultim ràntegh.

E capissi pròppi nò se son mì. Se son ’sto coo reflèss dedree in sul spècc, dai stellinn de dentifris sècch s’ciarii, o el boff de ’sta musichètta in del frècc.

Son mì el Babbo Natal ’dree anmò a sonà dal palazz in faccia, tra i luminari a intermittenza, sòtta el cellofàn?

Pensér prima de girà el calendari: boffass semper ’st’areador incrostaa el mè Jingle bell metallich alari.


PISCIATA DI NATALE


Sorpresa! Concentrato qui per pisciare, fisso sul cerchio di luna piena dello scarico, chiuso in questo cesso di un’altra città: frucch! Questo Natale ha tirato l’ultimo respiro.

E proprio non capisco cosa io sia. Se sono questa testa riflessa dietro nello specchio, schiarita dalle stelline di dentifricio secco, o il soffio di questa musichetta nel freddo.

Sono io il babbo Natale che ancora suona dal palazzo di fronte, tra le luminarie a intermittenza, sotto il cellofan?

Pensiero prima di girare il calendario: soffiasse sempre questo areatore incrostato il mio jingle bell metallico all’aria.

*

TRII HAIKU

Spòli el parchètt La luccia fina l’ombra Di scòcch solètt

Vardà a travèrs La firma digital De l’univèrs

I pivion doman A tarnegà ’sta tèrra Senza i uman


TRE HAIKU


Spoglio il parchetto Piange perfino l’ombra Delle altalene solette

Guardare attraverso La firma digitale Dell’universo

I piccioni domani A tormentare questa terra Senza gli umani

*

ÈTERNIT


I. (prima scèna) Gh’è on òmm, tra ’l Navili e la ferrovia, che el vosa, tira sass al capannon, ’dree a la finanza che la scappa via. “Alt! Pericol de contaminazion!”.

«Hoo faa i ròbb per ben: mai on incident! Trent’ann a pagà i ristrutturazion, seri on fradèll per tutt’i dipendent: come foo a pagà la demolizion?

M’hann dii che saria staa etèrno ’sto tècc, quand me l’han venduu. Me s’ciòppa la vèna, i ann traa ’n del cèss me besìen el pècc».

’Sta stòria doveva ’ndà innanz con la scèna d’on poian col suv che el brascia sù el vècc. Ma, pù ch’el bypass, l’ha podùu la pèna.


ETERNIT


I. (prima scena)

C’è un uomo, tra il Naviglio e la ferrovia, che grida, tira sassi al capannone, dietro alla finanza che scappa via. Alt! Pericolo di contaminazione!”.

«Ho fatto le cose per bene: mai un incidente! Trent’anni a pagare le ristrutturazioni, ero un fratello per tutti i dipendenti: come faccio a pagare la demolizione?

Mi hanno detto che sarebbe stato eterno questo tetto, quando me l’hanno venduto. Mi scoppia la vena, gli anni buttati nel cesso mi pungono il cuore».

Questa storia doveva continuare con la scena di uno strozzino col suv che abbraccia il vecchio. Ma, più che il bypass, poté la pena.

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. Tutti i diritti sono riservati – barbaricoyawp.com; la redazione di YAWP prima di pubblicare foto, video o testi ricavati da Internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti d'autori o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso di materiale riservato, scriveteci a yawp@outlook.it e provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.