• iurilombardi

Poesia | quattro poesie inedite di Andrea Bonadera

Su Yawp Poesia ospitiamo alcuni testi estratti dalla plaquette inedita in dialetto gallipolino di Andrea Donadera: I Vivi. Un tremore


Addu stane moi li morti ci stane quai a tutte ‘e vande?

Dove sono ora i morti se sono qui in ogni dove?

*

Li morti nu’ lli timìre ma li cristiani, li fatti, l’esseri, li strumienti, quiddhi sì, cusì cuntava lu mortu meu chiù beddhu ca chiù te tutti mò timu.


I morti non li temere ma gli umani, | i casi, gli esseri, gli strumenti, | quelli sì, questo diceva il morto | mio preferito che più d’ogni altro ora | temo.

*

Ci te scozzechene le tiscete scaurtandu e scazzafittandu ‘a facce t’a terra sta’ mmunti nu iou forte, pare, ‘n’ iu ca nu’ ttocca llu secuti. Nu iou more e ‘n’ addhu nasce, pare, nu iou, quiddhu mortu a te te serve, te serve ccu llu leggi, comu libri, comu ddhi libri ca laggìene te le ‘ntrame, ttocca se ‘nnichene, moi, ‘e ‘ntrame.


Se ti si screpolano le dita scavando | e scrostando la faccia della terra | stai costruendo un io forte, pare, un | io di cui non ti dovrai mai fidare. | Un io muore e un altro nasce, pare, un | io, quello morto a te serve, ti serve | leggerlo, come libri, | come quei libri che | leggevamo di pancia, | bisogna straziarla, adesso, la pancia.

*

Tutte le ‘uci te li morti tenene nu parcé, te te pensi ca si’ te ‘u parcé ma lu parcé te tutte le ‘uci te li morti ete ‘a vita, ‘a vita prima t’a morte ca, pare, nu’ gghié mai ci sape cc’ite ‘a vita.


Tutte le voci dei morti hanno un perché, | tu pensi d’essere te il perché ma | il perché di tutte le voci dei | morti è la vita, la vita prima | della morte che, pare, non è mai | granché la vita.

*

Te li vivi sai cci tte ‘nd’hai ffare e ‘llora li llevi te mienzu e ‘llora vai te capu, ‘nc’è ‘na via carotti carotti, provi ccu’ scofulisci, ‘a storta e lu catìre, ma sempre te salvi e tuttu te face tannu tranne teve, ca nu’ sai comu o percète.


Dei vivi sai cosa fartene e allora | li scarti e allora riparti, c’è una | strada tutta buche, tenti l’inciampo, | la storta e la caduta, ma sempre | ti salvi e tutto ti ferisce tranne | te, che non sai come o | perché.

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. Tutti i diritti sono riservati – barbaricoyawp.com; la redazione di YAWP prima di pubblicare foto, video o testi ricavati da Internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti d'autori o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso di materiale riservato, scriveteci a yawp@outlook.it e provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.