• valentina meloni

Poesia | testi di Sharanya Manivannan

Aggiornato il: 25 nov 2020



Sharanya Manivannan - photo by Catriona Mitchell




Oggi presentiamo due poesie, tradotte da Andrea Sirotti, di Sharanya Manivannan autrice, di origine indiana, di cinque libri: un romanzo, The Queen of Jasmine Country (HarperCollins India, 2018), una raccolta di racconti, The High Priestess Never Marries (HarperCollins India, 2016), due libri di poesia, Witchcraft (Bullfighter Books , 2008) e The Altar of the Only World (HarperCollins India, 2017); e un libro illustrato per bambini, The Ammuchi Puchi (Lantana Publishing, 2016 e Puffin India, 2018).

Nata in India nel 1985, è cresciuta in Sri Lanka e Malesia; Vive a Chennai dal 2007. Sharanya cura una colonna dal titolo "The Venus Flytrap" su The New Indian Express. Attualmente sta lavorando a un romanzo, Constellation of Scars, oltre a vari altri progetti di poesia, narrativa e illustrazione. (Valentina Meloni)



Una nota a cura di Debasish Parashar


L'amore si connette a sé stesso attraverso una "scia" di memorie, una successione ricorrente di sepolture e rinascite. "Lightning Over Dindivanam Highway" di Sharanya Manivannan è una poesia in cui la distanza sembra essere inadeguata a resistere agli ioni dei ricordi condivisi. La poesia è qualcosa di più di una collezione, piuttosto un’evocazione di cose inverosimilmente dolci in amore. Non è una poesia che piange o si rammarica di quelle impossibilità, ma penetra più a fondo nelle vene di un'individualità, che è anche un divenire di luoghi e tempi. Il tono è personale, ma controllato. L'io ripercorre l'altro nella possibile scia di ricordi che negoziano attraverso "shock anamnestici".


Nelle poesie di Sharanya, si può trovare una collezione di esperienze cosmologiche e spirituali acquisite con convinzione, conservate nel corpo e nutrite attraverso il ricordo, come in "Sun-Swallower"(poesia apparsa assieme alle altre in Superstition Review nel 2010) . Il corpo umano diventa un microcosmo dell'universo macrocosmico. "Keeping the Change" rafforza il significato della cura della memoria, anche per ciò che riguarda i ricordi più ordinari e dolorosi, proprio come quando si raccolgono e conservano monete, anche quelle "di troppo poco valore per curarsene, troppo pesanti da portarsi dietro." La persona poetica in "Distant Star" si evolve in una voce di convincimento attraverso tre fasi rispettivamente di abnegazione, autorealizzazione e autoaffermazione. Il tono è profondamente personale e poetico, a volte retrospettivo e soggettivo.


Le poesie di Sharanya sono intuizioni ricorrenti sulle negoziazioni dinamiche tra amore, memoria e distanza. (Debasish Parashar)




Keeping The Change


In the French Quarter I wrote you

love poems in yellow ochre,


unscrolled them like a trellis

of bougainvillea, paper

petals too intense to abandon,

too fragile to keep. How many

shots of thirty rupee citrus vodka

could we get for a ten dollar


bill? Everywhere we went you

told them to keep the change,


placing it palm-down back on

the table, so when I picked up


your hand to kiss it after, I

smelt metal on your skin.


I don't know what you came

here looking for, but it

wasn't in the cobblestone,

or in the rock-bordered


coastline, it wasn't in the

prayer-dome or in anything

you filled those palms


with when I lifted those

dresses I bought on those

streets over my head,


needing you the way a vine

of thorns needs a spine.


And this much later, a

coffer in my memory still


rattles – your coins too

cheap to care for, too heavy

to carry.


But I have a weakness

for copper and weight, and


I have collected them all,

handfuls of ore and residue.

They function like paperweights,


burdening the wisps of things,

their threats to drift away.



Tenere il resto


Nel quartiere francese ti ho scritto

poesie d’amore in giallo ocra,


le ho dispiegate come un graticcio

di bougainvillea, petali

di carta troppo intensi da abbandonare,

troppo fragili da mantenere. Quanti

shot di vodka al limone da trenta rupie

prendevamo con una banconota da trenta


dollari? Ogni volta che ci andavamo

gli dicevi di tenere il resto,


mettendo i soldi sul tavolo a mano aperta,

così quando più tardi ti ho preso


la mano per baciarla ti

ho sentito l’odore di metallo sulla pelle.


Non so cosa sei venuto

qui a cercare, ma non

era nei ciottoli,

o nella costa bordata


di scogli, non era nella

cupola sacra o in niente

di cui ti sei riempito


quelle mani quando ho sollevato

sulla testa quelle vesti che

ho comprato in quelle strade,


volendo te nel modo in cui un rovo

vuole una spina.


E tanto tempo dopo, uno

scrigno nella memoria ancora


tintinna – le tue monete di troppo

poco valore per curarsene, troppo pesanti

da portarsi dietro.


Ma ho un debole per

gli spiccioli e i pesi, e


Li ho raccolti tutti,

manciate di scorie e residui.

Sevono da fermacarte,


zavorrano i fasci di cose,

contro le minacce di deriva.


*

Lightning Over Dindivanam Highway


Somewhere along this trail is

the place where you lost me, and the part

of me that did not outlive that burial.

Even in rear view, I can no more calculate your

movements than I can fathom

the distance at which you have held me.


The stars small mirrors through gauze,

giving away nothing -

in my head, memory

a many-winged wildness.


Wherever you are tonight, perhaps it runs

through you also, the thing that

runs through me when I throw open the door

and step into the storm, the wet of the world

upon my body's own electricity. Perhaps

it blinds you for a moment too, splinters

down to your bones perhaps it floods

you with a certain, anamnestic shock.



Lampi sulla Dindivanam Highway


Da qualche parte lungo questa strada c’è

il luogo dove mi hai perduto, e la parte

di me non sopravvissuta alla sepoltura.

Pur ripensandoci, non riesco a calcolare i tuoi

movimenti più di quanto riesca a valutare

la distanza a cui mi hai tenuto.


Le stelle, piccoli specchi fra la garza,

che non svelano nulla -

nella mia testa, il ricordo

un’alata sbrigliatezza.


Dovunque tu sia stanotte, forse

ti percorre, quello che

percorre anche me quando spalanco la porta

ed esco nella tempesta, l’umido del mondo

sull’elettricità stessa del mio corpo. Forse

acceca per un attimo anche te, si scheggia

fino alle ossa, forse ti inonda

di un certo shock della memoria.



Traduzioni dei testi poetici a cura di Andrea Sirotti

Si ringrazia Emilia Mirazchiyska per l'intermediazione




Sharanya Manivannan è autrice di diversi libri di poesia, narrativa e letteratura per bambini, tra cui The High Priestess Never Marries e The Altar of the Only World. Scrive in inglese, è cresciuta in Sri Lanka e in Malesia e vive in India. www.sharanyamanivannan.in



Andrea Sirotti Andrea Sirotti è nato a Firenze, dove insegna lingua e letteratura inglese nei licei. Critico letterario e traduttore, fa parte delle redazioni di «Semicerchio», rivista di poesia comparata e di «Interno Poesia», blog e casa editrice per la promozione della poesia. Dal 1999 traduce per l’editoria, soprattutto poesia e narrativa postcoloniale. Tra i poeti tradotti (o co-tradotti) figurano Jane Hirshfield, Margaret Atwood, Carol Ann Duffy, Eavan Boland e le indiane Arundhathi Subramaniam (premio Ceppo 2014) e Sujata Bhatt. Ha anche tradotto, per Einaudi, Rizzoli e altri editori, narratori come Chimamanda Ngozi Adichie, Hisham Matar, Alexis Wright, Hari Kunzru, Aatish Taseer e Lloyd Jones. Opera da anni come promotore di eventi letterari, collaborando all’organizzazione di festival di poesia internazionale. Dal 2000 al 2008, insieme a

Vittorio Biagini, ha curato per il Comune di Firenze le rassegne-concorsi del «Nodo sottile» sulla poesia giovanile. Insieme a Shaul Bassi ha pubblicato nel 2010 Gli studi postcoloniali. Un’introduzione, per i tipi de Le Lettere, Firenze. Per Giunti ha curato le introduzioni al Gitanjali di Tagore e alle opere poetiche di Oscar Wilde. Curatore e co-curatore di antologie poetiche “a tema”, ha al suo attivo: L’India dell’anima, antologia di poesia femminile indiana contemporanea in lingua inglese (Le Lettere, Firenze 2000, [seconda edizione, 2006]); Men/Uomini, ritratti maschili nella poesia femminile contemporanea, con Giorgia Sensi (Le Lettere,Firenze 2004) e Gatti come Angeli, antologia di poesia erotica femminile in lingua inglese, con LoredanaMagazzeni (Medusa, Milano 2006).

Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, la frequenza dei post non è prestabilita e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale o una testata giornalistica ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. Tutti i diritti sono riservati – barbaricoyawp.com; la redazione di YAWP prima di pubblicare foto, video o testi ricavati da Internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti d'autori o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso di materiale riservato, scriveteci a yawp@outlook.it e provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.